premio-civitas

IL PREMIO CIVITAS DONA LA LUCE AL TEMPIO DI POZZUOLI

Si è tenuta ieri, 30 settembre 2015, al Teatro San Carlo di Napoli, la presentazione del prestigioso Premio Civitas. Quest’anno, per la sua 19° edizione, dona alla città di Pozzuoli l’illuminazione del Tempio di Serapide affidandone il progetto a Filippo Cannata.

 

Nuove metodologie, tecnologie innovative e sostenibili caratterizzeranno l’intervento, che si propone di offrire un paesaggio notturno dell’antico Macellum capace di esaltare tutta la bellezza e la carica suggestiva del luogo.

 

Una nuova storia da “scrivere” con la luce, con l’emozione che diventa il filo conduttore di un viaggio a ritroso nel tempo, alla scoperta del nostro glorioso passato. E un’opportunità unica, per valorizzare il nostro patrimonio artistico, promuovere la nostra storia e cultura creando forti attrattori di flusso, contribuire allo sviluppo culturale ed economico del nostro Paese.

urban-promo-2014

LED IT BE. URBAN PROMO 2014

Nell’ambito di Urban Promo 2014, la manifestazione nazionale di riferimento per il marketing urbano e la rigenerazione urbana, si terrà oggi, 12 novembre alle ore 16.30, la conferenza “Led it Be: più efficiente, più ecologica, più economica. La rivoluzione led nell’illuminazione pubblica”.

 

La tecnologia LED, che ha rivoluzionato il mondo dell’illuminazione, conquista anche Milano e Brescia. Sulla scia di città come Los Angeles, Copenaghen, Stoccolma e Oslo, Milano rinnoverà, entro agosto 2015, i suoi impianti di illuminazione sostituendo gli oltre 140mila punti luce presenti sul territorio comunale e diventando la prima grande città italiana completamente illuminata a led. Brescia ne seguirà l’esempio.

 

Parteciperà alla conferenza Filippo Cannata con un intervento sulle qualità poetiche ed emozionali della luce. Perché tecnologia e innovazione, a servizio dell’”uomo” e del suo ben-essere, non possono limitarsi a rispondere a specifiche logiche di prestazioni e funzionalità. Perché la luce è funzionalità ma anche arte ed estetica, efficienza ma anche bellezza e incanto. La luce è tecnologia ma è soprattutto emozione.

100-progettisti-italiani

FILIPPO CANNATA NELLA ROSA DEI “100 PROGETTISTI ITALIANI”

Si terrà oggi, giovedì 21 novembre 2013, alle ore 17.00 la presentazione del volume “100 Progettisti Italiani – Talenti Contemporanei” edito da Dell’Anna Editori, a cura di Giancarlo Priori. Location d’eccezione è il Salone d’Onore della prestigiosa Accademia Nazionale di San Luca a Roma, uno dei luoghi di cultura più rappresentativi della celebrazione dell’arte e dell’architettura in Italia.

Seguirà una discussione sul tema “Il ruolo dell’Architettura e del Design Made in Italy” con Paolo Portoghesi, Giancarlo Priori, Aimaro Isola, Adolfo Natalini, Nicola Pagliara, Michele De Lucchi, Paolo Pininfarina. Con la partecipazione di Paolo Buzzetti (ANCE) e Luisa Todini (Comitato Leonardo). A condurre i lavori il filosofo Claudio Bonvecchio.

“100 Progettisti Italiani” è un volume da collezione, in edizione limitata, una galleria d’arte su carta patinata che raccoglie quanto i progettisti, gli architetti e i designer tra i più autorevoli hanno creato, disegnato, progettato, edificando le pietre miliari di uno stile riconoscibile in tutto il mondo, quello italiano. Lo scopo è quello di raccontare le idee, soprattutto lo studio e la ratio che vi è dietro, quella scintilla creativa che ha generato le soluzioni tecniche, l’espressione di forma e cultura nella differenziazione di destinazione degli edifici. Spazi abitativi, contenitori pubblici e oggetti di design concepiti secondo i vari contesti territoriali della penisola. Ne risulta una congrua ed eterogenea molteplicità architettonica, un compendio di tecnologie e strategie applicate.

Un Comitato Scientifico, compostoda nomi eccellenti – Bartolomeo Azzaro, Aimaro Isola, Adolfo Natalini, Nicola Pagliara, Paolo Portoghesi, Giancarlo Priori, Franco Purini, Luca Scacchetti, Luciano Semerani, Angelo Torricelli – è stato coinvolto, insieme al curatore, nella selezione dei nominativi. Tra i cento nomi del volume quello di Filippo Cannata assieme a Carlo Donati per il progetto di villa La Modern a Lodi. Architettura e luce, in questo progetto, dialogano tra loro creando atmosfere suggestive e di benessere per il proprietario di casa. Atmosfere di luce per l’uomo e la sua emozione.

accademia_master

FILIPPO CANNATA TRA I DOCENTI DEL MASTER IN LIGHTING DESIGN

Filippo Cannata è nel corpo di docenti e relatori del Master di I° livello in Lighting Design organizzato, per l’anno accademico 2011/2012, dall’Accademia della Luce in collaborazione con il M.I.U.R, A.F.A.M.e l’Accademia di Belle Arti di Macerata.

 

Il Master, finalizzato alla formazione e valorizzazione professionale della figura del Lighting Designer e dell’Autore della Fotografia Cinematografica e Televisiva, tocca con creatività e flessibilità tutti gli ambiti della comunicazione visiva, degli allestimenti visuali, dell’architettura e urbanistica, nonché del design illuminotecnico.

 

Nell’ambito di intense attività seminariali, stage e workshop Filippo Cannata metterà la propria esperienza al servizio di quanti intendono conoscere il linguaggio della luce, le sue infinite possibilità di dare vita agli ambienti e di fornire interpretazioni sempre nuove all’architettura. Un percorso di approfondimento, concreto e affascinante, per tutti coloro che hanno voglia di esplorare, sperimentando e mettendosi in gioco senza troppe rivalità ma cooperazioni, questo mondo ancora un po’ in incognito, dove le regole sono molte ma è richiesta soprattutto tanta poetica e creatività.

federico

FILIPPO CANNATA CORRELATORE ALL’UNIVERSITÀ DI NAPOLI “FEDERICO II”

A suggello di una lunga e costante collaborazione con l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” Filippo Cannata partecipa come correlatore di una tesi relativa alla riqualificazione e illuminazione di Piazza Mercato.

 

Il lavoro si pone l’obiettivo di configurare un corpo illuminante che si presenta come un oggetto ibrido derivante dalla fusione di un lampione con una micro-architettura polifunzionale. L’idea, all’origine rivolta alla creazione di un prodotto che potesse essere utilizzato come bottega di giorno e come luogo di sosta di notte, si è successivamente “generalizzata” con l’aspirazione a renderlo compatibile con una filiera produttiva industriale.

 

Il manufatto, che, con adeguati optionals, diventa info-point, tabellone pubblicitario, schermo a led, padiglione fieristico o gazebo, prefigura diversi e più articolati modi di emettere luce, in particolare prevede l’illuminazione generale della zona sottostante e quella puntuale di un’eventuale presenza monumentale nell’area circostante, entrambe “sensibili” ai residui di luce solare e al numero di persone presenti.

 

Un articolato rapporto di questo percorso di ricerca progettuale è stato recentemente presentato al convegno “Architettura della luce” tenuto nell’Urban Center di Parma nel settembre 2011.

logo-associazione-pida

PREMIO PIDA 2011

Al via la IV edizione del Premio Internazionale Ischia di Architettura 2011, kermesse nata dalla collaborazione tra l’associazione PIDA, l’Ordine degli Architetti di Napoli, l’ANAB, il magazine Compasses e Federalberghi con l’obiettivo di premiare gli hotels e le SPA più belle del mondo divulgando il connubio tra l’architettura e la cultura dell’ospitalità. Filippo Cannata, la cui filosofia basata sui concetti di “qualità del risultato” e “rispetto per la natura” si pone in linea con i principi evocati nel manifesto di questa consolidata realtà, interviene per illuminare la sede del prestigioso evento, il parco di Villa La Colombaia nell’incantevole isola d’Ischia, storica residenza estiva di Luchino Visconti. Una luce morbida e soffusa, ben orchestrata, conferirà alle presenze verdi del giardino una nuova e più suggestiva configurazione; i pini, i lecci, gli ulivi che sorvegliano il roseto tanto caro al regista diventeranno protagonisti di una scenografia incantevole che esalta l’originalità paesaggistica del luogo. La luce artificiale colloquierà con la luce della luna aggiungendo una nota di meraviglia alla magia di questo piccolo angolo di paradiso e sussurrando all’orecchio della natura la parola emozione.

 

http://www.pida.it/it/press/press-2011/89-parte-il-pida-iv-ediz.html